Accedi o Registrati
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla
ricerca avanzata | ricerca multipla    
Porta in Alto

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
 
I libri di MSANSALONE

Porta in Alto












 

 

 

 

 

BESTSELLER vende questi libri in provincia di CASERTA

Segui
 

 
Informazioni sul venditore:
Sono un privato che compra&vende libri; eseguo anche ricerche su commissione: ricerca gratuita e senza obbligo d’acquisto.

CONTATTI
Cell.: 339 4945277 (anche WHATSAPP)
Mail: raffaele.bernardo@yahoo.it (anche MSN)

Condizioni di vendita di BESTSELLER
Pagamento anticipato tramite BONIFICO BANCARIO, POSTEPAY, PAYPAL.
COSTI DI SPEDIZIONE:
Raccomandata piego di libri: €4,00 (fino a 2 Kg)
Raccomandata piego di libri €7,00 (tra 2 e 5 Kg)
Piego di libri ordinario: €2,00 (solo fino a 2 Kg e a rischio del cliente)
Raccomandata piego di libri contrassegno: €5,40 (fino a 2 Kg)
Raccomandata piego di libri contrassegno: €9,50 (tra 2 e 5 Kg)
Commissioni postali su contrassegno: €6,00

ATTENZIONE! Per alcuni libri è necessario verificare preventivamente la disponibilità, indipendentemente dalla presenza della scheda in elenco. Grazie!

 

Richiedi un contatto 


Per chiedere informazioni su un libro, clicca sul Titolo
Ordinamento per inserimento, dall'ultimo inserito.
Libri : 8215


Cerca tra i libri di BESTSELLER

Titolo  

   

Autore  

   
Lirici greci


€ 5,00

  Lirici greci
 
di Ugolini, Giuseppe - Setti, Alessandro (a Cura Di)Firenze 1951 (9° ed.)Felice Le Monnier
LETTERATURA GRECA, POESIA

Bross. ed. ill., cm 21x14, pp. 320.

Nona edizione riveduta con un’appendice di epigrammi di Callimaco.

In vendita da martedì 16 gennaio 2018 alle 23:38 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Sintassi greca e antologia di prosa, 27° ed.


€ 5,00

  Sintassi greca e antologia di prosa, 27° ed.
 
di Zenoni, Giovanni (a Cura Di)Venezia 1947 (27° ed.)Edizioni Zenoni
LINGUA GRECA, SINTASSI

Bross. ed., cm 18x13, pp. 378.

Collana a cura di Giovanni Zenoni.

In vendita da martedì 16 gennaio 2018 alle 23:20 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Vertumnus. Temi di versione in latino e dal latino


€ 5,00

  Vertumnus. Temi di versione in latino e dal latino
 
di Landi, Carlo - Wolff, AngeloMilano 1948 (13° ed.)Arnoldo Mondadori Editore
LINGUA LATINA, GRAMMATICA, TRADUZIONE

Bross. ed., cm 19x13, pp. 317.

In vendita da martedì 16 gennaio 2018 alle 00:58 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Manuale di prosodia e metrica latina ad uso delle scuole


€ 5,00

  Manuale di prosodia e metrica latina ad uso delle scuole
 
di Lenchantin De Gubernatis, M.Milano 1966Casa Editrice Giuseppe Principato
LINGUA LATINA, GRAMMATICA

Bross. ed., cm 19x13, pp. 116.

Nuova ristampa.

In vendita da martedì 16 gennaio 2018 alle 00:41 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Storia della letteratura latina, vol. 2


€ 8,00

  Storia della letteratura latina, vol. 2
 
di Marchesi, ConcettoMilano-Messina 1964 (rist. 8° ed.)Casa Editrice Giuseppe Principato
LETTERATURA LATINA

Bross. ed., cm 20x14, pp. 501.

Ristampa dell’ottava edizione riveduta.

In vendita da martedì 16 gennaio 2018 alle 00:26 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Storia della letteratura latina, 2 voll.


€ 16,00

  Storia della letteratura latina, 2 voll.
 
di Marchesi, ConcettoMilano-Messina 1953 (8° ed.)Casa Editrice Giuseppe Principato
LETTERATURA LATINA

Bross. ed., cm 20x14, pp. 560+501.

Ottava edizione riveduta.

In vendita da lunedì 15 gennaio 2018 alle 23:47 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
La Nuova Enciclopedia delle Scienze - Enciclopedia Scientifica Tecnica, 3 voll.


€ 10,00

  La Nuova Enciclopedia delle Scienze - Enciclopedia Scientifica Tecnica, 3 voll.
 
di Aa.vv.Milano 1993 (3° ed.)-1969 (1° ed.)Garzanti
SCIENZA E TECNICA
ISBN: 9788811504511

Bross. ed., cm 19x12, pp. 1531+1894, ill. b/n n.t.

In vendita da lunedì 15 gennaio 2018 alle 23:04 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Guida alla lettura di Piaget


€ 6,00

  Guida alla lettura di Piaget
 
di Droz, Remy - Rahmy, MaryvonneFirenze 1974La Nuova Italia
PSICOLOGIA, PSICOLOGIA INFANTILE, PSICOLOGIA DELLA FORMAZIONE

Bross. ed., cm 21x13, pp. 220.

Prefazione di Gioia Gorla.

INDICE
Con notevole «sense of humour» gli Autori di questo libro riconoscono nei vari Baedeker o nelle guide Michelin interessanti precedenti del loro lavoro. E poche opere complessive, come quella di Jean Piaget — articolata in decine di migliaia di pagine stampate costituiscono per la verità un territorio così sterminato, nemmeno sempre scoperto, da aver assoluto bisogno di una mappa d’orientamento. Troppi sono gli interessi coinvolti in questa feconda ricerca, sempre aperta ai contributi di una incessante sperimentazione dalla epistemologia, alla filosofia, logica, psicologia, pedagogia, didattica, sociologia, biologia, matematica, linguistica, ecc. Cosicché sia lo specialista interessato a itinerari specifici, che il principiante in cerca di ispirazione da un panorama generale, possono ricavarne costrutto. Ma soprattutto lo studioso intermedio, già orientato, cui la contemplazione di sentieri collaterali, alternativi, può suggerire imprevedibilmente nuove scelte, nuove vocazioni.
Rémy Droz insegna all’Università di Losanna. Maryvonne Rahmy è psicologo scolastico. Entrambi sono stati scolari e collaboratori di Piaget.

INDICE
Prefazione di Gioia Gorla
Abbreviazioni
Premessa
I
Come si usa questo libro
Come è strutturato questo libro
II
Introduzione
(1) Perché un libro di questo tipo?
(2) Scopi del libro
III
Sintesi piagetiane: l’uomo e l’opera
(A) Elementi cronologici dell’opera di Jean Piaget
(1) Anni di formazione, prime ricerche scientifiche
(2) Ricerche sulla conoscenza e il pensiero del bambino
(3) Ricerche sulle prime manifestazioni dell’intelligenza: lo stadio senso-motorio, la funzione semiotica
(4) Ricerche sullo sviluppo delle operazioni concrete e le categorie conoscitive
(5) Formalizzazione delle strutture del pensiero infantile
(6) Ricerche sullo sviluppo e i meccanismi della percezione visiva
(7) Epistemologia genetica
(8) Ricerche sull’immagine mentale e la memoria
(9) Opere teoriche
(B) Aspetti della produzione piagetiana (I) Epistemologia, filosofia, logica
(II) Psicologia
(1) I concetti fondamentali
- Psicologia dello sviluppo e psicologia genetica
- Funzioni cognitive e operazioni del pensiero
- Le nozioni di invarianti e di conservazione
- Fattori dello sviluppo: meccanismi di adattamento e regolatori del comportamento
- Meccanismi di astrazione
(2) Il problema degli stadi e i grandi periodi dello sviluppo
Il problema degli stadi
Continuità funzionale e discontinuità strutturale
• I grandi periodi dello sviluppo
• Lo stadio senso-motoria
• Lo stadio delle operazioni concrete e i suoi sottoperiodi
- Il livello preoperatorio
- Lo stadio operatorio concreto, primo livello Décalages orizzontali
- Lo stadio operatorio concreto, secondo livello
• Lo stadio delle operazioni formali
(3) Lo sviluppo delle funzioni cognitive • La formazione di invarianti cognitivi (1) Lo sviluppo delle costanze percettivo
(2) Il costituirsi dello schema dell’oggetto permanente
(3) Nota sulla formazione dei concetti
(4) L’identità degli oggetti con se stessi
(5) L’invarianza o la conservazione delle grandezze fisiche
(6) L’invarianza di alcune proprietà dell’oggetto: lunghezza, superficie, volume geometrico
(7) L’invarianza delle composizioni proporzionali
• La formazione delle rappresentazioni (1) Lo sviluppo dell’imitazione
(2) Lo sviluppo della percezione e dei meccanismi percettivi
(3) Le immagini mentali e la memoria
(4) Lo sviluppo del linguaggio e dei mezzi di comunicazione
(5) La sviluppo del gioco
• Lo sviluppo delle operazioni su insiemi di oggetti: operazioni logico-matematiche
(1) Lo sviluppo delle condotte di classificazione
(2) Le condotte di seriazione o di ordinamento e il loro sviluppo
(3) Applicazioni e funzioni
(4) Lo sviluppo della nozione di numero
(5) Il passaggio alle operazioni formali e alla logica delle proposizioni
• Conoscenza dell’oggetto e azioni sull’oggetto: operazioni infralogiche
(1) La rappresentazione dello spazio e lo sviluppo della misura
(2) Osservazioni sullo sviluppo della nozione di tempo
(3) La nozione di movimento e di velocità
(4) Le spiegazioni causali, induzione, deduzione e caso
(III) Pedagogia
(IV) Sociologia, biologia
(1) Sociologia
(2) Biologia
(C) Per riassumere e concludere.
IV
Guida tecnica per leggere Piaget
(1) Come sono articolate le opere di Piaget?
(2) Opere complementari
(3) Come si legge Piaget?
V
Itinerari per leggere Piaget
Per cominciare
Per psicologi
Per epistemologi, logici, matematici, fisici, biologi, sociologi, linguisti, filosofi e altri
Per insegnanti e pedagogisti
Introduzione alla psicologia genetica
Introduzione all’epistemologia genetica
Per lo studente di psicologia più esperto
Introduzione allo sviluppo del bambino dalla nascita a due anni
Introduzione alla funzione semiotica e alla rappresentazione grafica
Memoria: funzione e sviluppo
Apprendimento, psicologia ed epistemologia genetiche
Introduzione all’aspetto più teorico delle ricerche psicologiche piagetiane
Matematica, epistcmologia e psicologia genetiche
Geometria, epistemologia e psicologia genetiche
Introduzione all’epistemologia della fisica
Biologia, psicologia ed epistemologia genetiche
Scienze umane, psicologia ed epistemologia genetiche
Linguistica, epistemologia e psicologia genetiche
Per i filosofi
Pedagogia e psicologia genetica
Per un insegnamento al livello del giardino d’infanzia
Per un insegnamento al livello primario inferiore e superiore
VI
Rendiconti
VII
Indice
VIII
Bibliografia
(1) Scelta di scritti sull’opera di Piaget
(2) Autobiografie di Piaget
(3) Collezioni dirette da Piaget
(4) Opere citate
(5) Bibliografie delle opere di Piaget
APPENDICE
Traduzioni italiane delle opere di Piaget (sino al 1973)

In vendita da sabato 13 gennaio 2018 alle 02:44 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
La genesi delle strutture logiche elementari. Classificazione e seriazione


€ 16,00

  La genesi delle strutture logiche elementari. Classificazione e seriazione
 
di Piaget, Jean - Inhelder, BärbelFirenze 1977La Nuova Italia
PSICOLOGIA INFANTILE, PSICOLOGIA DELLA FORMAZIONE
ISBN: 9788822114846

Bross. ed., cm 21x13, pp. XL-448 p., ill. b/n n.t.

SINTESI
La ’Genèse des structures logiques’, apparsa nel ’59, si può considerare opera conclusiva del periodo centrale dell’attività di Piaget. È il periodo che ha inizio con le opere sul numero e sulla quantità, pubblicate nel ’41; ad esso appartengono opere di sistemazione della problematica relativa ai rapporti tra logica e psicologia come ’La psychologie de l’intelligence’ del ’47 e il ’Traité de logique’ del ’49, e ad esso appartiene pure la delineazione complessiva delle tesi della epistemologia genetica (’Introduction à l’épistemologie génétique’, 1950), e l’inizio dei lavori interdisciplinari presso il Centro internazionale d’epistemologia genetica di Ginevra. Sia per tale sua collocazione che per l’argomento trattato, è alla Genèse che conviene guardare per una chiarificazione sistematica delle posizioni piagetiane in materia di logica infantile. Le ricerche sul passaggio dalla collezione alla classificazione gerarchica, sulla inclusione, sulla complementarità, sulla classificazione moltiplicativa sono di particolare interesse anche per lo stretto nesso che le lega a precedenti ricerche in settori specifici, in particolare per quanto riguarda numero, quantità, misura, spazio.

INDICE
Presentazione di Lydia Tornatore
Elenco dei collaboratori
Prefazione
Introduzione
Posizione dei problemi e questioni preliminari
1. Il linguaggio
2. La maturazione
3. I fattori percettivi
4. Gli schemi senso-motori
I - Le collezioni figurative
1. Definizione di «collezioni figurative» e posizione dei problemi
2. Descrizione dei tipi di reazioni e primo gruppo di esempi con materiale costituito da forme geometriche (bidimensionali)
3. Ricerca delle filiazioni e secondo gruppo di esempi con materiale di forme geometriche
4. «Rassomiglianza» o «convenienza» e terzo gruppo di esempi con materiale costituito da oggetti empirici (ometti, animali e piante, abitazioni e utensili, ecc.)
5. Conclusione: le collezioni figurative come abbozzo della sintesi tra la comprensione e l’estensione
II
Le collezioni non figurative
1. Posizione dei problemi e criteri di una classificazione (additiva)
2. Le collezioni non figurative che si riferiscono agli oggetti di forme geometriche
3. Le collezioni non figurative che si riferiscono a oggetti empirici
III
I termini «tutti» e «alcuni» e le condizioni dell’inclusione
1. I termini «tutti» e «alcuni» applicati alle forme e ai colori
2. I termini «tutti» e «alcuni» applicati alla prova per esclusione
3. Il termine «alcuni», assoluto e relativo
4. Conclusioni: i termini «alcuni» e «tutti», l’inclusione e le relazioni tra la «comprensione» e l’«estensione» delle collezioni
IV
L’inclusione delle classi e le classificazioni gerarchiche
1. La classificazione dei fiori (mischiati con oggetti)
2. La classificazione degli animali
V Le complementarità
1. Il problema della «specie unica» o della classe singolare in un contesto di scoperta di una legge pratica e non di classificazione
2. La funzione del numero e della classe singolare nelle classificazioni
3. La classe «secondaria» nel caso delle dicotomie obbligate
4. La negazione
5. L’inclusione delle classi complementari e la legge di dualità dei reticoli
6. La classe nulla
7. Conclusione
VI Le classificazioni moltiplicative (matrici)
1. Posizione del problema
2. Primi risultati delle prove di «matrici»
3. Le prove di «matrici» (seguito)
4. Le classificazioni moltiplicative spontanee
5. Le classificazioni moltiplicative spontanee (seguito)
6. La moltiplicazione (o intersezione) semplice
7. Addizione e moltiplicazione
8. La quantificazione delle classi moltiplicative
9. Conclusioni
VII I fattori di mobilità retroattiva ed anticipatrice nella costituzione delle classificazioni additive e moltiplicative
1. Gli effetti delle incorporazioni successive di elementi che esigono un rimaneggiamento delle classi già costituite
2. I cambiamenti di criterio che esigono un rimaneggiamento delle classificazioni già compiute
3. Anticipazione, esecuzione e cambiamenti di criteri nelle classificazioni semi-spontanee
VIII Le classificazioni di clementi percepiti per via tattile-cinestesica
1. Tecniche e stadi
2. Il I stadio: scelta degli elementi conosciuti e collezioni figurative. Nessuna anticipazione né classificazione completa per un solo criterio
3. Il II stadio: collezioni non figurative; scoperta per tentativi di un solo criterio, poi semi-anticipazione del primo criterio, e tentativi per gli altri
4. Il III stadio: anticipazione di due o tre criteri; conclusioni
IX Le tappe della seriazione visiva e tattile e delle loro anticipazioni
1. Posizione del problema
2. La seriazione e l’anticipazione delle configurazioni seriali nei casi degli elementi percepiti visivamente
3. La seriazione tattile e la sua anticipazione attraverso il disegno
X La moltiplicazione delle relazioni asimmetriche transitive
1. Tecnica e materiale
2. Il I stadio: assenza di seriazione propriamente detta
3. Il II stadio: seriazione spontanea secondo una delle qualità ma insuccesso nella sintesi moltiplicativa
4. Il III stadio: riuscita della moltiplicazione
XI Conclusioni
Indice dei nomi

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 23:48 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Analisi psicologia dell’insegnamento


€ 7,00

  Analisi psicologia dell’insegnamento
 
di Fleming, Charlotte M.Firenze 1972La Nuova Italia
PSICOLOGIA DELLA FORMAZIONE

Bross. ed., cm 21x13, pp. 323.

INDICE
Prefazione alla edizione italiana (Egle Becchi)
Premessa
PARTE PRIMA. INTRODUZIONE
I. L’insegnante e la sua attività
I. Modi di condotta scolastica del buon insegnante, p. 5. — II. I requisiti del buon insegnante, p. 10. — III. L’insegnante comincia a conoscere i suoi allievi, p. 13. — IV. Tipi di rapporti sociali nella classe, p. 14. — Bibliografia, p. 16.
PARTE SECONDA. L’INSEGNANTE COME STUDIOSO DELLA MOTIVAZIONE
II. Lo studio della natura umana. Filosofia, psicologia sperimentale, biologia e sociologia
I. Cambiamenti nel significato dei termini, p. 24. Bibliografia, p. 26.
III. Lo studio della natura umana. La psicologia sociale e il concetto di bisogno
I. I consultori psicopedagogici, p. 30. — II. Impulsi primari e secondari, p. 34. — III. Bisogni fisiologici e psicologici, p. 35. — IV. Prove tratte da storie individuali, p. 38. — V. L’esame delle circostanze presenti, p. 39. — Bibliografia, p. 43.
IV. Lo studio della natura umana. La sociometria e il concetto di «io»
I. Le tecniche sociometriche, p. 52. — II. Le tecniche di supposizione personale, p. 54. — III. Drammatizzazione discriminativa, p. 55. — IV. Saggi di composizione, p. 56. — V. Presa di coscienza dei membri del gruppo, p. 57. — VI. La condizione e funzione socio-economica e il proprio «io», p. 57. — VII. Psicologia genetica e consapevole del proprio «io», p. 60. — VIII. Psicologia sperimentale e interazione dell’io, p. 61. — IX. Psicologia sociale e partecipazione personale, p. 63. — X. Bisogni psicologici e formazione dell’immagine di sé, p. 63. — XI. Indagini psicometriche e pedagogiche, p. 65. — XII. Psicologia dell’«ego» e superficie psichica, p. 66. — XIII. Implicazioni psichiatriche, p. 68. — XIV. Implicazioni pedagogiche, p. 70. — Bibliografa, p. 72.
PARTE TERZA. L’INSEGNANTE COME PROMOTORE DI APPRENDIMENTO
V. Esperimenti sull’apprendimento. Teoria associazionistica e teoria del campo
I. I cambiamenti nella formulazione dei dati e nella programmazione degli esperimenti, p. 83. — Bibliografia, p. 85.
VI. Esperimenti sull’apprendimento. Fattori sociali e individuali
I. Fattori sociali dell’apprendimento, p. 87. — II. Percezione, apprendimento e azione intenzionale, p. 89. — III. La percezione come approccio alla psicologia sociale, p. 91. — IV. Altri studi sulla percezione, p. 95. — V. Psicologi ed orientamento fisiologico, p. 99. —VI. Conclusioni, p. 100. — Bibliografia, p. 102.
PARTE QUARTA. L’INSEGNANTE COME OSSERVATORE DELLA CRESCITA
VII. Crescita e sviluppo
I. Le interpretazioni tradizionali, p. 108. — II. Conseguenze pedagogiche, p. 109. — III. La diagnosi delle differenze individuali, p. 111. — IV. La variabilità del livello relativo, p. 112. — V. Gli studi longitudinali, p. 114. — VI. La continuità dello sviluppo, p. 115. — VII. La convalida sperimentale, p. 117. — VIII. Il condizionamento sociale dello sviluppo, p. 119. — IX. La maturazione fisica, p. 120. — X. Lo sviluppo mentale, p. 120. — XI. L’infanzia, p. 121. — XII. La fanciullezza, p. 125. — XIII. L’adolescenza, p. 128. — Bibliografia, p. 131.
VIII. Delinquenza e ritardo
I. Le circostanze sociali, p. 139. — II. Il bisogno di affetto, p. 140. — III. La partecipazione, p. 141. — IV. Cristianesimo e psicologia, p. 144. — V. Valori c contagio di gruppo, p. 145. — VI. Ragazzi e ragazze ritardati, p. 147. — VII. Immaturità scolastica, arretratezza mentale e ritardo scolastico, p. 149. — VIII. Bambini immaturi nei loro gruppi, p. 154. — Bibliografla, p. 157.
IX. L’allievo nella situazione di classe
I. Una rete complessa di rapporti, p. 162. — II. Alcune interpretazioni inadeguate, p. 163. — III. I ragazzi studiano i loro insegnanti, p. 164. — IV. La situazione vista dall’interno, p. 165. — V. Le differenze individuali, p. 167. — VI. Il compito dell’insegnante, p. 172. — Bibliografia, p. 173.
PARTE QUINTA. L’INSEGNANTE COME ARTIGIANO E COME TECNICO
X. Gli aspetti artigianali dell’insegnamento
I. Il contributo della ricerca pedagogica, p. 178. — II. L’apprendimento della lettura, p. 181. — III. L’età giusta per imparare a leggere, p. 185. — IV. La scoperta dell’aritmetica, p. 186. — V. L’apprendimento di una lingua, p. 188. — VI. L’acquisto di un’abilità, p. 189. — VII. Lo studio della storia, p. 190. — Bibliografia, p. 192.
XI. La misurazione del profitto
I. I tests di sondaggio, p. 196. — II. Critiche alla soggettività della valutazione, p. 197. — III. Critica all’entità del campione, p. 198. — IV. Da prove di tipo aperto a nuovi tipi di prova, p. 199. — V. Nel campo dell’aritmetica, p. 201. — VI. I cambiamenti nei libri di testo e nei procedimenti didattici, p. 202. — VII. Nel campo dell’insegnamento della lingua materna, p. 205. — VIII. I tests di lettura, p. 205. — IX. I cambiamenti nei libri di testo e nei procedimenti didattici, p. 207. — X. I tests di espressione scritta, p. 208. — XI. Ancora sui cambiamenti nei libri di testo e nei procedimenti didattici, p. 210. — XII. I mutamenti del contenuto nei più recenti tests obiettivi, p. 214. — XIII. I cambiamenti nella formulazione dei risultati ai tests di profitto, p. 216. — XIV. I tests diagnostici, p. 218. — XV. L’uso dei tests diagnostici, p. 220. — Bibliografia, p. 221.
XII. I tests di intelligenza
I. La costruzione di un test, p. 224. — II. Definizione dell’intelligenza, p. 224. — III. Capacità o abilità, p. 227. — IV. L’analisi statistica, p. 229. — V. L’uso dei tests d’intelligenza, p. 231. — VI. Le critiche ai test: di intelligenza, p. 234. — Bibliografia, p. 236.
XIII. La diagnosi della personalità
I. La definizione della personalità, p. 239. — II. Lo studio della personalità, p. 241. — III. L’interpretazione dei risultati, p. 246. — IV. Le valutazioni degli insegnanti e le interviste selettive, p. 248. — V La registrazione dei dati, p. 249. — Bibliografia, p. 251.
XIV. L’autoosservazione e lo studio dei gruppi
I. Il processo di interazione, p. 255. — II. L’autoosservazione, p. 257. — III. Apprezzamento e riprovazione, p. 258. — IV. Partecipazione e esclusione, p. 258. — V. Interpretazione e prescrizione dogmatica, p. 259. — Bibliografia, p. 261.
PARTE SESTA. L’INSEGNANTE COME SPERIMENTATORE
XV. Sperimentazione e ricerca pedagogica . . . 265 I. I metodi della ricerca pedagogica, p. 266. - IL Ri-cerca operativa e ricerca attiva, p. 268. - III. Gli ar-gomenti studiati dalla ricerca pedagogica, p. 270. -IV. Alcuni esempi di ricerca, p. 272. - V. La ricerca attiva, p. 275. - VI. Ricerca e riforma pedagogica, p. 276. - Bibliografia, p. 281.
PARTE SETTIMA. L’INSEGNANTE COME ORGANIZZATORE E TERAPEUTA
XVI. Responsabilità organizzative
I. Gli studi sulla funzione di guida, p. 285. — II. I rapporti di gruppo, p. 286. — III. La disciplina scolastica, p. 287. — IV. Insegnanti e genitori, p. 288. — V. Criteri da seguire nella formazione dei gruppi, p. 290. — VI. La selezione per abilità, p. 291. — VII. Formazione dei gruppi sulla base dell’amicizia, p. 293. — VIII. Gli stereotipi pedagogici, p. 294. — IX. Gli in. segnanti in quanto si occupano dell’acquisto dei materiali, p. 296. — X. L’orientamento scolastico e professionale, p. 298. — Bibliografia, p. 300.
XVII. Le risorse della comunità
I. I valori del vicinato, p. 304. — II. L’aumento della conoscenza, p. 306. — III. Comunanza di interessi, p. 306. — IV. Il mondo esterno, p. 307. — V. Il tono della vita civile, p. 307. — VI. I moderni servizi sociali, p. 308. — Bibliografia, p. 309.
XVIII. Le terapie nella situazione scolastica
I. I procedimenti didattici, p. 312. — II. Il lavoro di gruppo, p. 313. — III. Il contenuto di un corso, p. 314. — IV. L’appartenenza ad un gruppo, p. 315. — V. Chi sono gli insegnanti?, p. 316. — Bibliografia, p. 317.
Appendice bibliografica
Indice dei nomi

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 21:13 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Rilievi sullo sviluppo mentale del bambino


€ 7,00

  Rilievi sullo sviluppo mentale del bambino
 
di Aebli, HansFirenze 1968La Nuova Italia
PSICOLOGIA INFANTILE

Bross. ed., cm 21x13, pp. 149.

SINTESI
Prefazione alla edizione italiana
Prefazione alla edizione tedesca
PARTE TEORICA
Introduzione
I. Come Piaget concepisce lo sviluppo mentale
I. Costruzione di operazioni e di loro aggruppamenti, p. 7. II. Derivazione di strutture mentali l’una dall’altra, p. 18. III. Divari di età nella comparsa di medesime strutture, p. 21. — IV. Ricapitolazione, p. 26.
II. Come il Piaget concepisce i processi psicologici che si attuano nelle prove genetiche
III. Nuova interpretazione dei processi psicologici che si attuano nelle prove genetiche
I. Caratteri tipici delle prove eseguite nella presente indagine, p. 33. — II. Elaborazione attuale delle operazioni e funzione «prestrutturante» del dispositivo sperimentale, p. 36. — III. Alcuni elementi essenziali del processo di elaborazione, p. 42.
IV. Fattori che determinano la soglia superiore delle strutture nell’elaborazione attuale
I. Livello strutturale operatorio come funzione dell’oggetto, p. 52. — II. Durata temporale e ripetizione nel processo di elaborazione, p. 67. — III. Motivazione del soggetto nei processi di elaborazione, p. 73. — IV. Validità dei nostri risultati per le operazioni quantitative, p. 76.
V. Concezione amplificata dello sviluppo
I. Livello strutturale della risposta come funzione dell’età del soggetto, p. 83. — II. Divari temporali e divari logici, p. 86. — III. «Energia intellettuale» del soggetto come «grandezza variabile», p. 89. — IV. Intelligenza ed energia intellettuale, p. 94. — V. Teoria multifattoriale dello sviluppo, p. 98. — VI. Rappresentazione grafica della no-stra concezione dello sviluppo, p. 102. — VII. Metodo indiretto per quantificare i fattori dello sviluppo mentale, p. 104.
VI. Deduzioni pedagogiche
I. Sviluppo e apprendimento, p. 111. — II. Prova genetica e insegnamento sistematico, p. 115. — III. Psicologia genetica e formazione dei programmi d’insegnamento, p. 119.
PARTE SPERIMENTALE
I. L’ipotesi
II. L’impostazione: materiali e modo di porre il problema
III. Le tre fasi dell’esperimento principale
IV. I soggetti
V. Le risposte dei soggetti e la loro valutazione
VI. I risultati
VII. L’esperimento di controllo: effetto della ripetizione
VIII. L’interpretazione dei risultati
Indice dei nomi

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 19:55 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Anton S. Makarenko e lo sperimentalismo sovietico


€ 8,00

  Anton S. Makarenko e lo sperimentalismo sovietico
 
di Bowen, JamesFirenze 1973La Nuova Italia
PEDAGOGIA, MAKARENKO

Bross. ed., cm 21x14, pp. 238.

Prefazione di Bruno M. Bellarate.

SINTESI
Russia, 25 ottobre 1917, tutto il potere ai Sovieti; viene decretata l’istruzione universale obbligatoria. Anton Semionovic Makarenko non è l’eroe (ordine della Bandiera Rossa) di tale ciclopica impresa (il 95% della popolazione è di contadini analfabeti). Makarenko si è occupato degli orfani, dei figli di nessuno vaganti per le campagne e le città, dediti alla violenza e al furto (dai nemici dell’ideologia marxista è stato paragonato a Don Bosco). Lo sperimentalismo pedagogico sovietico si compendia in questo nome, incluso in tutti i manuali di storia della pedagogia, insieme ai classici. Makarenko ha rappresentato per la pedagogia sovietica ciò che Dewey ha rappresentato per quella americana. Entrambi ritenevano che l’educazione fosse un processo di gruppo, ma interpretavano in modo diverso il ruolo dell’individuo in seno alla società. John Dewey sottolineava che la diversità degli interessi degli individui è un presupposto necessario al progresso sociale, Makarenko sosteneva che il ruolo dell’individuo doveva essere subordinato alle esigenze collettive del gruppo.

INDICE
A. S. Makarenko oggi, di Bruno M. Bellerate
Bibliografia
Prefazione
Nota per la lettura dei nomi russi
I - Makarenko e l’educazione sovietica
I. Anton Seménoviet Makarenko
II. Origini e cause dei problemi educativi sovietici
III. Il dilemma dell’educazione sovietica
IV. I besprizorniki: una sfida all’educazione sovietica
II - Sviluppo della nuova pedagogia sovietica
V. Il cammino verso la vita
VI. Alla ricerca di un significato
VII. La mistica del collettivo
VIII. Verso il conseguimento dell’ideale
III - L’utopia e la realtà
IX. Conflitti nell’ambito della pedagogia sovietica
X. Applicazione logica del metodo
XI. Verso lo Stato totalitario
XII. Il contributo di Makarenko alla pedagogia
Indice dei nomi

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 19:30 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
L’empirismo come filosofia della esperienza. Pensiero e realtà


€ 11,00

  L’empirismo come filosofia della esperienza. Pensiero e realtà
 
di Carbonara, CleroNapoli 1974Libreria Scientifica Editrice
FILOSOFIA ITALIANA ’900, CLETO CARBONARA

Bross. ed., cm 25x18, pp. 122.

a cura di Giuseppe Martano e Aldo Masullo.

Collana diretta da Cleto Carbonara.

Istituto di Storia della Filosofia dell’Università di Napoli.

INDICE
L’EMPIRISMO COME FILOSOFIA DELL’ESPERIENZA
1. - Ragioni della ricerca
2. L’empirismo come filosofia dell’esperienza
3. - L’empirismo come istanza metodologica
4. - Il concetto di «esperienza»; la conoscenza del mondo corporeo
5. - Varie forme di esperienza; la mediazione filosofica
6. - Il concetto di esperienza «pura»
7. - Esperienza sensibile e percezione come condizioni d’ogni sviluppo della vita mentale
8. - L’esperienza e le strutture: l’empirismo come trascendentalismo
9. - L’«io penso» e il valore trascendentale del pensiero
10. - La storia del cosmo come preistoria ideale del pensiero
11. - Caratteri dell’«io penso» come atto
12. - Interpretazione della «sintesi a priori»
13. - Validità della «sintesi a priori» nei diversi campi dell’esperienza
14. - La predicabilità universale delle categorie
15. - Le false antinomie: soggetto - oggetto; forma-contenuto; fenomeno - noumeno
16. - Le false antinomie: razionale - irrazionale; verità - errore
17. - Intuizione - discorso: arte e filosofia
18. - Trascendenza e immanenza. - Le antinomie metafisiche
19. - L’empirismo come razionalismo e negazione dello scetticismo
20. - La filosofia dell’esperienza come attualismo
21. - Specificazioni dell’atto : il concetto
22. - L’atto artistico. - L’azione e la libertà
23. - La metafisica critica. Il dover-essere e il senso della trascendenza
24. - Istanze sociali dell’empirismo
25. - Istanze democratiche e rivoluzionarie dell’empirismo filosofico. - Empirismo e marxismo
PENSIERO E REALTÀ
1. - La «sintesi a priori» realisticamente interpretata
2. - La teoria dell’«atto»
3. - Cenni storici sulla dottrina dell’«atto»
4. - L’«atto» come «esperienza»
5. - La «filosofia dell’esperienza» come introduzione al marxismo

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 15:46 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Della pittura


€ 7,00

  Della pittura
 
di Unold, MaxMilano 1950Bompiani
ESTETICA, CRITICA D’ARTE

Bross. ed., cm 20x12, pp. 356, ill. b/n n.t.

AUTORE
Max Unold (Memmingen, 1 ottobre 1885 - Monaco di Baviera, 18 maggio 1964) è stato un pittore, grafico e scrittore tedesco. È uno dei più importanti esponenti della Nuova Oggettività in Germania. Membro onorario dell’Accademia delle Belle Arti bavarese, Croce federale al merito nel 1955 e Ordine al merito bavarese nel 1959. Le sue opere sono presenti in numerosi musei in tutto il mondo. Il suo patrimonio artistico è conservato nella MEWO Kunsthalle di Memmingen e regolarmente reso accessibile in mostre.

INDICE
PARTE PRIMA COME LAVORA IL PITTORE
I - I TEMI USATI IN PITTURA
Del soggetto ossia: «Che cosa mi metto a dipingere?»
La pittura di genere
Cenno di un paragone tra «quadro di genere» e «quadro di figura»
Il ritratto
Autoritratti
Del paesaggio - Tre lettere
La natura morta
II - LA FORMA E LA SUA RAPPRESENTAZIONE
La linea in pittura
Rappresentazione pittorica della forma
La rappresentazione della forma negli impressionisti
La rappresentazione della forma nell’arte «moderna»
A proposito dell’illusione
III IL COLORE, I SUOI PRINCÌPI E LE SUE LEGGI
Il colore come fenomeno naturale
La tavolozza
Contrappunto
Il colore nel quadro
Pittura tonale o dei valori
Pittura coloristica
Pittura piatta
Il segreto di Cézanne
IV - COMPOSIZIONE DEL QUADRO
Dimensioni e formati dei quadri
V - MATERIALE E TECNICA
Breve guida attraverso un vastissimo campo
Cenno alle massaie che amano la pulizia
Pittura murale
Mosaico
Tutto quanto riguarda le cornici
PARTE SECONDA
LA VITA DEL PITTORE
I - DAL DIARIO DELLA MOGLIE DI UN PITTORE
II - DIALOGO DI UN PITTORE CON SE STESSO
III - DAL TESTAMENTO DI UN CUBISTA
IV - IL PRESENTE DA UN PUNTO DI VISTA RETROSPETTIVO
Un resoconto artistico del 1998 (Presentito)
V - ANNI DI NOVIZIATO
Un’occhiata a una scuola di disegno
Scuola di pittura all’Accademia di Monaco verso il 1908
VI - VISITA ALLO STUDIO DI UN PITTORE
Discorso della guida
L’istoria di un cavaliere e di un pittore d’Augusta
VII - PITTORE E CLIENTE
VIII - COME NASCE UN’ESPOSIZIONE

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 15:10 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
La nobiltà europea in età moderna


€ 12,00

  La nobiltà europea in età moderna
 
di Dewald, JonathanTorino 2001Einaudi
STORIA MODERNA, ARISTOCRAZIA
ISBN: 9788806155308

Bross. ed., cm 19x12, pp. XIV-303.

SINTESI
L’identità e le vicende della classe nobiliare costituiscono un eccellente punto di osservazione per comprendere appieno la complessa evoluzione della società europea nell’età moderna. Avendo influenzato e controllato fino a tutto l’Ottocento buona parte dell’economia, della politica e della vita culturale del vecchio continente, la nobiltà europea costituisce inoltre un modello di riferimento ideale per lo studio del reciproco interagire di tradizione e innovazione nella storia degli ultimi cinque secoli.
Intento di questo libro è offrire una storia generale della nobiltà europea tra Rinascimento e Rivoluzione francese. Concepito secondo una prospettiva comparata per introdurre studenti e lettori non specialisti a una materia vasta e intricata, La nobiltà europea ne esplora temi e problematiche adottando un linguaggio accessibile e autorevole insieme. Jonathan Dewald vi esamina continuità e trasformazioni delle strutture nobiliari, l’evolversi dei dati statistici, la percezione che il ceto nobiliare aveva della propria posizione all’interno della società, il consolidarsi dei patrimoni e del potere politico, gli stili di vita. Contestando una prospettiva unanimemente accettata, l’autore mostra come i nobili europei seppero adattarsi nel tempo ai radicali mutamenti che sconvolsero la società e la cultura europea, come tale processo di adattamento avesse conosciuto in tutta Europa forme sostanzialmente simili, e come, pur in situazioni apparentemente non comparabili per dimensioni quantitative e tipologia dei privilegi accordati nelle diverse nazioni, il ceto nobiliare europeo si trovò ad affrontare le stesse problematiche per le quali sarebbero state adottate le medesime soluzioni.
Jonathan Dewald è professore di Storia all’Università di Buffalo. Numerose sue pubblicazioni riguardano l’Europa d’Età moderna. Presso Einaudi è uscito La nobiltà europea in età moderna.

INDICE
Premessa. Introduzione. Le nobiltà europee come problema storico
I. Qualità e quantità
II. Ricchezza, privilegio, cambiamento III. Nobili e politica
IV. Vite e culture
Conclusione. Verso una società nuova: la Rivoluzione francese e oltre
Bibliografia
Indice dei nomi

In vendita da venerdì 12 gennaio 2018 alle 12:55 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
La via crucis dei criminali (altri sei mesi di galera)


€ 16,00

  La via crucis dei criminali (altri sei mesi di galera)
 
di Cappuccino, PioCastel Bolognese 1988Grafica Artigiana
LETTERATURA ITALIANA ’900, NARRATIVA

Bross. ed., cm 18x12, pp. 373.

In vendita da giovedì 11 gennaio 2018 alle 00:29 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 
Storia di Roma, 5 voll.


€ 21,00

  Storia di Roma, 5 voll.
 
di LivioBologna 1954-60Zanichelli
LETTERATURA LATINA, STORIA ANTICA

Bross. ed., cm 19x13, pp. XVII-553+320+415+333+420.

Testo latino e versione di Guido Vitali.

PIANO DELL’OPERA
I. I-III
II. XXI-XXII
III. XXIII-XXIV-XXV
IV. XXVI-XVII
V. XXVIII-XXX

In vendita da giovedì 11 gennaio 2018 alle 00:11 in provincia di Caserta  -   BESTSELLER vende anche...

 

Pag. 1 di 484.

Vai a pagina : [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 >>>
 



 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy e utilizzo dei cookies
rel. 6.0 Copyright 2000-18 Marco Sarain - Padova (IT)