Accedi o Registrati
 
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla


 

ricerca avanzata         ricerca multipla

BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI
 


Altre immagini
NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI
NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI

€ 20,00

NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI

Altre immagini
NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI
NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI

€ 20,00

 

NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI
 

Autore: PAOLO TARASHI NAGAI
Editore: ISME
Anno:1963
Condizioni: BUONE CONDIZIONI
Categoria: MEMORIE
ID titolo:71700013

"NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI" è in vendita da martedì 4 febbraio 2020 alle 00:44 in provincia di Roma

Note su "NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI":
NEL DESERTO DELL’ATOMICA
AUTORE: PAOLO TARASHI NAGAI
DIARIO DI UNA VITTIMA DELLA BOMBA ATOMICA DI NAGASAKI
EDITORE: ISME - EDIZIONI MISSIONARIE PARMA
COLLANA: ORIENTE
GENERE: MEMORIE
TERZA EDIZIONE TREDICESIMO MIGLIAIO 25 FEBBRAIO 1963
TRADUZIONE: ARNOLDO FARINA
PREFAZIONE: J. MASSON
TITOLO ORIGINALE: LA CATENA DEL ROSARIO
112 PAGINE
PESO: 400 GRAMMI
VOLUME BROSSURATO CON COPERTINA MORBIDA ILLUSTRATA CON RISVOLTI DIMENSIONI 15X21 CM
BUONE CONDIZIONI, DEDICA POSSESSORE NELLA PRIMA PAGINA BIANCA INTERNA
RARO

Takashi Nagai nasce il 3 febbraio 1908 (il 2 febbraio secondo il calendario occidentale) dopo un parto difficile che mette la sua vita e quella di sua madre in pericolo. La sua famiglia comprende dei medici. Suo padre, Noboru Nagai, conosceva la medicina occidentale; suo nonno paterno, Fumitaka Nagai, praticava la medicina tradizionale a base di erbe. Sua madre, Tsuna, era la discendente di un’antica famiglia di samurai. In giapponese, Takashi significa nobiltà.
Takashi Nagai viene educato nella zona rurale di Mitoya, secondo gli insegnamenti di Confucio e della religione scintoista. Nel 1920, effettua i suoi studi secondari ed è ospitato dai suoi cugini, non lontano da Matsue. La scienza occidentale ed uno spirito materialista dominano dai suoi professori. Si impregna dell’ateismo ambientale.
Nell’aprile 1928, entra nell’Università di medicina di Nagasaki. Sono durante questi studi che intraprende il viaggio spirituale che lo conduce dallo scintoismo all’ateismo, poi al cattolicesimo. L’università si trova a 500 metri dalla cattedrale ma ha fede nell’uomo, nei valori patriottici, scientifici e culturali. Appartiene ad un gruppo di poeti ed alla squadra universitaria di pallacanestro (misura 1,71m).
Nel 1930, una lettera di suo padre gli annuncia la malattia di sua madre, vittima di un’emorragia cerebrale: è cosciente ma non parla più. Va al suo capezzale: ella lo guarda intensamente negli occhi e muore poco dopo (29 marzo). Takashi ne resta sconvolto e comincia a credere nell’esistenza dell’anima; sua madre gli resta presente. Uno dei suoi professori parla del filosofo e scienziato Blaise Pascal, citando questa frase estratta dai Pensieri: L’uomo è solamente un giunco, più debole della natura; ma è un giunco pensante.. Intraprende allora la lettura dei Pensieri, riflette sulla vita umana e cambia progressivamente. Diventa più sensibile. Così, nel suo 3º anno di medicina, è sorpreso dall’atteggiamento rigido dei professori quando vanno al capezzale dei malati.
Nel 1931, legge sempre Blaise Pascal e si interroga sulla vita dei cristiani e la preghiera. Si interessa al cristianesimo, facendosi ospitare dalla famiglia Moriyama che, da sette generazioni, è stata tra i capi ereditari di un gruppo di “kakure kirishitan” (cristiani nascosti) del quartiere di Urakami. Sadakichi Moriyama vive con la sua sposa. La loro figlia unica, Midori, fa la maestra in una città vicina. Takashi apprende che la costruzione della cattedrale è stata finanziata dai poveri contadini e pescatori cristiani giapponesi.
Nel 1932, completa i suoi esami. Ma una malattia dell’orecchio destro (segni di meningite) l’affligge e lo rende parzialmente sordo. Non può praticare la medicina e accetta di orientarsi nella ricerca in radiologia. Questa scienza comporta dei rischi legati alle radiazioni ed egli ne è cosciente.
La sera del 24 dicembre, Midori Moriyama lo invita a partecipare alla messa di mezzanotte. Nella cattedrale totalmente riempita, Takashi è sconvolto da queste persone in preghiera, i loro canti, la loro fede ed il sermone. Racconterà: ho sentito qualcuno vicino a me che non conoscevo ancora. La notte seguente, Midori è colpita da una crisi di appendicite acuta. Takashi fa una veloce diagnosi, avverte il chirurgo dell’ospedale e porta Midori tra le sue braccia in ospedale, sotto la neve. L’operazione è riuscita; Midori è sana e salva.
Nel gennaio 1933, Takashi effettua il servizio militare. Prima di partire per la campagna del Manciukuò, effettua una formazione ad Hiroshima durante la quale gli arriva un pacco: è Midori che gli offre dei guanti ed un catechismo cattolico. Durante questo periodo in Manciuria, Takashi si occupa dei feriti e del servizio sanitario. È molto scosso nella sua credenza nella cultura giapponese quando consta le atrocità e la brutalità dei militari giapponesi sulle popolazioni civili cinesi. Al suo ritorno, prosegue le sue letture (catechismo cattolico, Bibbia, Pensieri di Blaise Pascal) ed incontra un presbitero, il padre Moriyama. Midori continua a pregare per lui. Poi il suo avanzamento prende una piega decisiva quando riflette attentamente su questa frase di Blaise Pascal: «C’è abbastanza luce per quelli che desiderano di vedere solamente, ed abbastanza oscurità per quelli che hanno una disposizione contraria».
Il 9 giugno 1934, riceve il battesimo nella fede cattolica e sceglie allora un nome cristiano, Paolo. Raggiunge così la comunità dei cattolici dei quali la vita del santo giapponese Paolo Miki l’ha molto segnato. Poi chiede a Midori di sposarlo e lei accetta. Nell’agosto 1934, un mercoledì, alle 7 della mattina, durante la prima messa abituale nella cattedrale di Urakami, il loro matrimonio è celebrato in presenza del presbitero e di due testimoni. Maria Midori Moriyama e Paolo Takashi Nagai impegnano la loro vita comune sulla strada dell’eternità. Midori è presidentessa dell’associazione delle donne del quartiere di Urakami. Takashi diventa membro della società San Vincenzo de’ Paoli, scopre il suo fondatore ed i suoi scritti (Federico Ozanam), visita i malati e i più poveri ai quali porta aiuto, conforto e sostegno alimentare. Della loro unione nascono quattro bambini: un maschio, Makoto (3 aprile 1935 – 4 aprile 2001), e tre femmine, Ikuko (7 luglio 1937 – 1939), Sasano che muore poco dopo la nascita, e Kayano (nata nel 1941). Takashi riceve il sacramento della confermazione nel dicembre 1934.
Dal 1931 al 1936, il frate Massimiliano Kolbe risiede in un sobborgo di Nagasaki dove fonda un monastero. Takashi l’incontra diverse volte. L’indomani della nascita della sua figlia Ikuko, la guerra tra il Giappone e la Cina è dichiarata. Takashi è mobilitato come chirurgo al servizio della 5ª divisione. Soffre dei rigori dell’inverno in Cina ma anche davanti allo sconforto di tutte le vittime di questa guerra (civili e militari, cinese e giapponese), occupandosi dei feriti e riflettente alla giustizia ed alla pace. Nel 1939, una lettera gli insegna la morte di suo padre (4 febbraio) e di sua figlia Ikuko. Egli rimane in Cina fino al 1940. Al suo ritorno, si reca sulla tomba dei suoi genitori poi ritrova suo figlio sulla banchina della stazione di Nagasaki dove un amico l’accompagna. Poi riprende le sue ricerche ed i suoi corsi all’università.
Quando il Giappone dichiara guerra agli Stati Uniti d’America, l’8 dicembre 1941, il professor Nagai ha un oscuro presentimento: la sua città potrebbe essere distrutta durante questa guerra. Ottiene il suo dottorato in 1944. Il 26 aprile 1945, un raid aereo su Nagasaki miete numerose vittime. L’ospedale è sopraffatto. Takashi spende i suoi giorni e le sue notti al servizio dei feriti, nel suo reparto di radiologia. Nel suo campo di lavoro e di ricerca, le norme di sicurezza erano male comprese, conducendo ad un tasso elevato di incidenti tra i ricercatori, legati all’esposizione alle radiazioni. E, di fatto, nel giugno 1945, apprende che una leucemia l’ha colpito e che la sua speranza di vita è dai due ai tre anni. Questa malattia è probabilmente dovuta alle esposizioni ai raggi X subite all’epoca degli esami radiologici praticati con osservazione diretta. Ne parla con Midori e Makoto. Con la loro fede in Dio, restano uniti per vivere insieme questi momenti.
La sera del 6 agosto, il dottor Nagai viene a conoscenza che una bomba atomica è stata lanciata dagli americani su Hiroshima. Con Midori, decide di allontanare i loro bambini a 6 chilometri, nella campagna, a Matsuyama, accompagnati dalla madre di Midori. La mattina dell’8 agosto, sotto lo sguardo sorridente di Midori, Takashi parte per il suo lavoro di una notte di guardia all’ospedale. Avendo dimenticato il suo pasto, torna a casa, inaspettatamente, e sorprende Midori in lacrime. Si dicono arrivederci ma sarà un addio.
Il 9 agosto 1945, alle 11:02, la seconda bomba atomica lanciata dagli americani sul Giappone colpisce Nagasaki. All’istante del bombardamento, il dottor Nagai è in servizio in radiologia all’ospedale universitario di Nagasaki. Riceve una grave ferita che tocca la sua arteria temporale destra, ma si unisce al resto del personale medico superstite per dedicarsi alla cura dei feriti. Più tardi, redigerà un rapporto medico di 100 pagine a proposito delle sue osservazioni.
L’11 agosto, Takashi Nagai ritrova l’area della sua casa e, tra un mucchio di ceneri, delle ossa carbonizzate: Midori e la sua corona del rosario vicino a lei. Il suo nome da ragazza era Maria Midori Moriyama. Paolo Takashi Nagai ha voluto scrivere il suo nome da sposata sulla croce della sua tomba: Marina Nagai Midori, deceduta il 9 agosto 1945, a 37 anni (Marina è un diminutivo di Maria).
Per i cinquantotto giorni seguenti Nagai continua a curare le vittime della bomba atomica ed insegnare all’università di Nagasaki. Ma è colpito gravemente dalla leucemia, l’8 settembre 1945, e deve restare a riposo per un mese; la morte gli sembra vicina. Si trasferisce nel quartiere di Urakami, quello dell’ipocentro della bomba, il 15 ottobre 1945. Fa costruire una piccola capanna, dai pazienti riconoscenti e da suoi allievi, fatta coi pezzi della sua vecchia casa. Denominata Nyoko-dō (Amate gli altri come voi, secondo le parole di Gesù amerai il tuo prossimo come tu stesso), rimane coi suoi due bambini scampati (Makoto e Kayano), sua suocera e due altri genitori. Questa capanna misura un poco più di sei tatami, costruita per lui nel 1947 da un carpentiere legato alla famiglia Moriyama. Quando la sezione locale della società San Vincenzo de’ Paoli offre di costruirgli un’altra casa, nella primavera 1948, chiede di ingrandire leggermente la capanna esistente, per fare un favore al suo fratello e la sua famiglia e per stabilire una struttura semplice, simile ad un salone del tè, largo due tatami, per sé. In questo piccolo rifugio alle maniere di un eremo, trascorre i suoi ultimi anni in preghiera e contemplazione.
Per i 6 mesi successivi, osserva il lutto di Midori e si lascia crescere la barba e i capelli. Il 23 novembre 1945, una messa è celebrata, davanti alle rovine della cattedrale, per le vittime della bomba. Takashi dà un discorso riempito di fede, paragonando le vittime ad un’offerta consacrata per ottenere la pace. Comincia a scrivere molti rapporti medici (Atomic Illness and Atomic Medicine) che saranno tradotti in parecchie lingue: Le Campane di Nagasaki (Nagasaki no Kane), finito il 9 agosto 1946, è il più celebre - un film giapponese dello stesso nome ne è stato tratto, poco dopo la sua morte. Nel luglio 1946, crolla sulla piattaforma della stazione. Diventato invalido, vive ormai allettato.
In 1948, utilizza i 50.000 ¥ versati da “Kyushu Time” per piantare 1000 ciliegi di tre anni nel quartiere di Urakami per trasformare questa terra devastata in Collina in fiore. Anche se alcuni sono stati sostituiti, questi ciliegi sono chiamati sempre Nagai Senbonzakura (i 1000 ciliegi di Nagai) ed i loro fiori decorano le case di Urakami nella primavera.
Il 3 dicembre 1949, è fatto cittadino onorario della città di Nagasaki, malgrado le proteste dovute alla sua fede cattolica. Riceve la visita di Helen Keller. È visitato anche nel 1949 dall’Imperatore Hirohito e dal cardinale Gilroy, emissario del Papa.
Il 1° maggio 1951, chiede che lo si porti all’università affinché gli studenti in medicina possano osservare gli ultimi istanti di un uomo che si prepara a morire di leucemia. Ma perisce poco dopo il suo arrivo: sono le 21 e 30. Muore a 43 anni. Il 3 maggio, 20.000 persone assistono alle sue esequie davanti alla cattedrale. La città di Nagasaki osserva un minuto di silenzio nel momento in cui suonano le campane di tutti gli edifici religiosi. Il 14 maggio, una cerimonia ufficiale ha luogo in memoria del dottor Nagai poi i suoi resti sono sepolti nel cimitero internazionale Sakamoto.
Al momento della sua morte, lascia dietro di lui una voluminosa raccolta di prove, memorie, disegni e calligrafie su diversi temi, comprendendo Dio, la guerra, la morte, la medicina e la situazione degli orfani. Questi testi sono stati apprezzati da un gran numero di lettori, durante l’Occupazione del Giappone (1945-1952). Sono come le cronache spirituali dell’esperienza della bomba atomica.
Il suo Nyoko-dō è diventato un museo, nel 1952: il Nagasaki City Nagai Takashi Memoriale Museo. Dopo i lavori di ristrutturazione effettuati nel 2000, è diretto oggi da Tokusaburo Nagai, nipote di Takashi Nagai e figlio di Makoto Nagai.

NON TRATTO PREZZO, NON SCAMBIO

POTETE CHIAMARE PER INFORMAZIONI AL 347 1851184 ANCHE WHATSAPP

 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI"
Utente verificato pzot Telefono disponibile
vende "NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI"  di PAOLO TARASHI NAGAI in provincia di Roma

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri oggi.

feedback positivi 340 positivi    feedback negativi 1 negativi    feedback neutri 1 neutri    

feedback positivi 340 positivi
feedback negativi 1 negativi
feedback neutri 1 neutri

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 1 ora  (calcolato su 217 compravendite)

Informazioni sul venditore:
MEMORIE. NEL DESERTO DELL’ATOMICA
AUTORE: PAOLO TARASHI NAGAI
DIARIO DI UNA VITTIMA DELLA BOMBA ATOMICA DI NAGASAKI
EDITORE: ISME - EDIZIONI MISSIONARIE PARMA
COLLANA: ORIENTE
GENERE: MEMORIE
TERZA EDIZIONE TREDICESIMO MIGLIAIO 25 FEBBRAIO 1963
TRADUZIONE: ARNOLDO FARINA
PREFAZIONE: J. MASSON
TITOLO ORIGINALE: LA CATENA DEL ROSARIO
112 PAGINE
PESO: 400 GRAMMI
VOLUME BROSSURATO CON COPERTINA MORBIDA ILLUSTRATA CON RISVOLTI DIMENSIONI 15X21 CM
BUONE CONDIZIONI, DEDICA POSSESSORE NELLA PRIMA PAGINA BIANCA INTERNA
RARO

Takashi Nagai nasce il 3 febbraio 1908 (il 2 febbraio secondo il calendario occidentale) dopo un parto difficile che mette la sua vita e quella di sua madre in pericolo. La sua famiglia comprende dei medici. Suo padre, Noboru Nagai, conosceva la medicina occidentale; suo nonno paterno, Fumitaka Nagai, praticava la medicina tradizionale a base di erbe. Sua madre, Tsuna, era la discendente di un’antica famiglia di samurai. In giapponese, Takashi significa nobiltà.
Takashi Nagai viene educato nella zona rurale di Mitoya, secondo gli insegnamenti di Confucio e della religione scintoista. Nel 1920, effettua i suoi studi secondari ed è ospitato dai suoi cugini, non lontano da Matsue. La scienza occidentale ed uno spirito materialista dominano dai suoi professori. Si impregna dell’ateismo ambientale.
Nell’aprile 1928, entra nell’Università di medicina di Nagasaki. Sono durante questi studi che intraprende il viaggio spirituale che lo conduce dallo scintoismo all’ateismo, poi al cattolicesimo. L’università si trova a 500 metri dalla cattedrale ma ha fede nell’uomo, nei valori patriottici, scientifici e culturali. Appartiene ad un gruppo di poeti ed alla squadra universitaria di pallacanestro (misura 1,71m).
Nel 1930, una lettera di suo padre gli annuncia la malattia di sua madre, vittima di un’emorragia cerebrale: è cosciente ma non parla più. Va al suo capezzale: ella lo guarda intensamente negli occhi e muore poco dopo (29 marzo). Takashi ne resta sconvolto e comincia a credere nell’esistenza dell’anima; sua madre gli resta presente. Uno dei suoi professori parla del filosofo e scienziato Blaise Pascal, citando questa frase estratta dai Pensieri: L’uomo è solamente un giunco, più debole della natura; ma è un giunco pensante.. Intraprende allora la lettura dei Pensieri, riflette sulla vita umana e cambia progressivamente. Diventa più sensibile. Così, nel suo 3º anno di medicina, è sorpreso dall’atteggiamento rigido dei professori quando vanno al capezzale dei malati.
Nel 1931, legge sempre Blaise Pascal e si interroga sulla vita dei cristiani e la preghiera. Si interessa al cristianesimo, facendosi ospitare dalla famiglia Moriyama che, da sette generazioni, è stata tra i capi ereditari di un gruppo di “kakure kirishitan” (cristiani nascosti) del quartiere di Urakami. Sadakichi Moriyama vive con la sua sposa. La loro figlia unica, Midori, fa la maestra in una città vicina. Takashi apprende che la costruzione della cattedrale è stata finanziata dai poveri contadini e pescatori cristiani giapponesi.
Nel 1932, completa i suoi esami. Ma una malattia dell’orecchio destro (segni di meningite) l’affligge e lo rende parzialmente sordo. Non può praticare la medicina e accetta di orientarsi nella ricerca in radiologia. Questa scienza comporta dei rischi legati alle radiazioni ed egli ne è cosciente.
La sera del 24 dicembre, Midori Moriyama lo invita a partecipare alla messa di mezzanotte. Nella cattedrale totalmente riempita, Takashi è sconvolto da queste persone in preghiera, i loro canti, la loro fede ed il sermone. Racconterà: ho sentito qualcuno vicino a me che non conoscevo ancora. La notte seguente, Midori è colpita da una crisi di appendicite acuta. Takashi fa una veloce diagnosi, avverte il chirurgo dell’ospedale e porta Midori tra le sue braccia in ospedale, sotto la neve. L’operazione è riuscita; Midori è sana e salva.
Nel gennaio 1933, Takashi effettua il servizio militare. Prima di partire per la campagna del Manciukuò, effettua una formazione ad Hiroshima durante la quale gli arriva un pacco: è Midori che gli offre dei guanti ed un catechismo cattolico. Durante questo periodo in Manciuria, Takashi si occupa dei feriti e del servizio sanitario. È molto scosso nella sua credenza nella cultura giapponese quando consta le atrocità e la brutalità dei militari giapponesi sulle popolazioni civili cinesi. Al suo ritorno, prosegue le sue letture (catechismo cattolico, Bibbia, Pensieri di Blaise Pascal) ed incontra un presbitero, il padre Moriyama. Midori continua a pregare per lui. Poi il suo avanzamento prende una piega decisiva quando riflette attentamente su questa frase di Blaise Pascal: «C’è abbastanza luce per quelli che desiderano di vedere solamente, ed abbastanza oscurità per quelli che hanno una disposizione contraria».
Il 9 giugno 1934, riceve il battesimo nella fede cattolica e sceglie allora un nome cristiano, Paolo. Raggiunge così la comunità dei cattolici dei quali la vita del santo giapponese Paolo Miki l’ha molto segnato. Poi chiede a Midori di sposarlo e lei accetta. Nell’agosto 1934, un mercoledì, alle 7 della mattina, durante la prima messa abituale nella cattedrale di Urakami, il loro matrimonio è celebrato in presenza del presbitero e di due testimoni. Maria Midori Moriyama e Paolo Takashi Nagai impegnano la loro vita comune sulla strada dell’eternità. Midori è presidentessa dell’associazione delle donne del quartiere di Urakami. Takashi diventa membro della società San Vincenzo de’ Paoli, scopre il suo fondatore ed i suoi scritti (Federico Ozanam), visita i malati e i più poveri ai quali porta aiuto, conforto e sostegno alimentare. Della loro unione nascono quattro bambini: un maschio, Makoto (3 aprile 1935 – 4 aprile 2001), e tre femmine, Ikuko (7 luglio 1937 – 1939), Sasano che muore poco dopo la nascita, e Kayano (nata nel 1941). Takashi riceve il sacramento della confermazione nel dicembre 1934.
Dal 1931 al 1936, il frate Massimiliano Kolbe risiede in un sobborgo di Nagasaki dove fonda un monastero. Takashi l’incontra diverse volte. L’indomani della nascita della sua figlia Ikuko, la guerra tra il Giappone e la Cina è dichiarata. Takashi è mobilitato come chirurgo al servizio della 5ª divisione. Soffre dei rigori dell’inverno in Cina ma anche davanti allo sconforto di tutte le vittime di questa guerra (civili e militari, cinese e giapponese), occupandosi dei feriti e riflettente alla giustizia ed alla pace. Nel 1939, una lettera gli insegna la morte di suo padre (4 febbraio) e di sua figlia Ikuko. Egli rimane in Cina fino al 1940. Al suo ritorno, si reca sulla tomba dei suoi genitori poi ritrova suo figlio sulla banchina della stazione di Nagasaki dove un amico l’accompagna. Poi riprende le sue ricerche ed i suoi corsi all’università.
Quando il Giappone dichiara guerra agli Stati Uniti d’America, l’8 dicembre 1941, il professor Nagai ha un oscuro presentimento: la sua città potrebbe essere distrutta durante questa guerra. Ottiene il suo dottorato in 1944. Il 26 aprile 1945, un raid aereo su Nagasaki miete numerose vittime. L’ospedale è sopraffatto. Takashi spende i suoi giorni e le sue notti al servizio dei feriti, nel suo reparto di radiologia. Nel suo campo di lavoro e di ricerca, le norme di sicurezza erano male comprese, conducendo ad un tasso elevato di incidenti tra i ricercatori, legati all’esposizione alle radiazioni. E, di fatto, nel giugno 1945, apprende che una leucemia l’ha colpito e che la sua speranza di vita è dai due ai tre anni. Questa malattia è probabilmente dovuta alle esposizioni ai raggi X subite all’epoca degli esami radiologici praticati con osservazione diretta. Ne parla con Midori e Makoto. Con la loro fede in Dio, restano uniti per vivere insieme questi momenti.
La sera del 6 agosto, il dottor Nagai viene a conoscenza che una bomba atomica è stata lanciata dagli americani su Hiroshima. Con Midori, decide di allontanare i loro bambini a 6 chilometri, nella campagna, a Matsuyama, accompagnati dalla madre di Midori. La mattina dell’8 agosto, sotto lo sguardo sorridente di Midori, Takashi parte per il suo lavoro di una notte di guardia all’ospedale. Avendo dimenticato il suo pasto, torna a casa, inaspettatamente, e sorprende Midori in lacrime. Si dicono arrivederci ma sarà un addio.
Il 9 agosto 1945, alle 11:02, la seconda bomba atomica lanciata dagli americani sul Giappone colpisce Nagasaki. All’istante del bombardamento, il dottor Nagai è in servizio in radiologia all’ospedale universitario di Nagasaki. Riceve una grave ferita che tocca la sua arteria temporale destra, ma si unisce al resto del personale medico superstite per dedicarsi alla cura dei feriti. Più tardi, redigerà un rapporto medico di 100 pagine a proposito delle sue osservazioni.
L’11 agosto, Takashi Nagai ritrova l’area della sua casa e, tra un mucchio di ceneri, delle ossa carbonizzate: Midori e la sua corona del rosario vicino a lei. Il suo nome da ragazza era Maria Midori Moriyama. Paolo Takashi Nagai ha voluto scrivere il suo nome da sposata sulla croce della sua tomba: Marina Nagai Midori, deceduta il 9 agosto 1945, a 37 anni (Marina è un diminutivo di Maria).
Per i cinquantotto giorni seguenti Nagai continua a curare le vittime della bomba atomica ed insegnare all’università di Nagasaki. Ma è colpito gravemente dalla leucemia, l’8 settembre 1945, e deve restare a riposo per un mese; la morte gli sembra vicina. Si trasferisce nel quartiere di Urakami, quello dell’ipocentro della bomba, il 15 ottobre 1945. Fa costruire una piccola capanna, dai pazienti riconoscenti e da suoi allievi, fatta coi pezzi della sua vecchia casa. Denominata Nyoko-dō (Amate gli altri come voi, secondo le parole di Gesù amerai il tuo prossimo come tu stesso), rimane coi suoi due bambini scampati (Makoto e Kayano), sua suocera e due altri genitori. Questa capanna misura un poco più di sei tatami, costruita per lui nel 1947 da un carpentiere legato alla famiglia Moriyama. Quando la sezione locale della società San Vincenzo de’ Paoli offre di costruirgli un’altra casa, nella primavera 1948, chiede di ingrandire leggermente la capanna esistente, per fare un favore al suo fratello e la sua famiglia e per stabilire una struttura semplice, simile ad un salone del tè, largo due tatami, per sé. In questo piccolo rifugio alle maniere di un eremo, trascorre i suoi ultimi anni in preghiera e contemplazione.
Per i 6 mesi successivi, osserva il lutto di Midori e si lascia crescere la barba e i capelli. Il 23 novembre 1945, una messa è celebrata, davanti alle rovine della cattedrale, per le vittime della bomba. Takashi dà un discorso riempito di fede, paragonando le vittime ad un’offerta consacrata per ottenere la pace. Comincia a scrivere molti rapporti medici (Atomic Illness and Atomic Medicine) che saranno tradotti in parecchie lingue: Le Campane di Nagasaki (Nagasaki no Kane), finito il 9 agosto 1946, è il più celebre - un film giapponese dello stesso nome ne è stato tratto, poco dopo la sua morte. Nel luglio 1946, crolla sulla piattaforma della stazione. Diventato invalido, vive ormai allettato.
In 1948, utilizza i 50.000 ¥ versati da “Kyushu Time” per piantare 1000 ciliegi di tre anni nel quartiere di Urakami per trasformare questa terra devastata in Collina in fiore. Anche se alcuni sono stati sostituiti, questi ciliegi sono chiamati sempre Nagai Senbonzakura (i 1000 ciliegi di Nagai) ed i loro fiori decorano le case di Urakami nella primavera.
Il 3 dicembre 1949, è fatto cittadino onorario della città di Nagasaki, malgrado le proteste dovute alla sua fede cattolica. Riceve la visita di Helen Keller. È visitato anche nel 1949 dall’Imperatore Hirohito e dal cardinale Gilroy, emissario del Papa.
Il 1° maggio 1951, chiede che lo si porti all’università affinché gli studenti in medicina possano osservare gli ultimi istanti di un uomo che si prepara a morire di leucemia. Ma perisce poco dopo il suo arrivo: sono le 21 e 30. Muore a 43 anni. Il 3 maggio, 20.000 persone assistono alle sue esequie davanti alla cattedrale. La città di Nagasaki osserva un minuto di silenzio nel momento in cui suonano le campane di tutti gli edifici religiosi. Il 14 maggio, una cerimonia ufficiale ha luogo in memoria del dottor Nagai poi i suoi resti sono sepolti nel cimitero internazionale Sakamoto.
Al momento della sua morte, lascia dietro di lui una voluminosa raccolta di prove, memorie, disegni e calligrafie su diversi temi, comprendendo Dio, la guerra, la morte, la medicina e la situazione degli orfani. Questi testi sono stati apprezzati da un gran numero di lettori, durante l’Occupazione del Giappone (1945-1952). Sono come le cronache spirituali dell’esperienza della bomba atomica.
Il suo Nyoko-dō è diventato un museo, nel 1952: il Nagasaki City Nagai Takashi Memoriale Museo. Dopo i lavori di ristrutturazione effettuati nel 2000, è diretto oggi da Tokusaburo Nagai, nipote di Takashi Nagai e figlio di Makoto Nagai.

NON TRATTO PREZZO, NON SCAMBIO

POTETE CHIAMARE PER INFORMAZIONI AL 347 1851184 ANCHE WHATSAPP

 

Condizioni di vendita per il libro "NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI":
Potete contattarmi al numero 3471851184 ANCHE WHATSAPP.

Costi della spedizione:
2 euro con posta normale (più acquisti -> UNICA SPEDIZIONE FINO A 2KG)
5 euro con raccomandata (più acquisti -> UNICA SPEDIZIONE FINO A 2KG)
10 euro con corriere espresso (più acquisti -> UNICA SPEDIZIONE FINO A 3KG)
12 euro con corriere espresso (più acquisti -> UNICA SPEDIZIONE FINO A 5KG)
15 euro con corriere espresso (più acquisti -> UNICA SPEDIZIONE FINO A 10KG)

E’ previsto il ritiro a mano su Roma in Via Cassia N.531 (di norma non effettuo consegne), si prega di chiamare prima di passare, sono un privato!

Io consiglio la spedizione per raccomandata perchè tracciabile.
Per la spedizione normale non ne garantisco l’arrivo.
Se l’acquirente la vuole comunque scegliere lo fa a suo rischio, non mi carico di nessuna responsabilità.

Accetto come pagamento Bonifico e Postepay.
Per Paypal accetto la formula parenti/amici che non ha nessun costo di commissione attraverso il link: https://www.paypal.me/PaoloCivirani , altrimenti per il pagamento normale addebito in piu’ il costo delle commissioni.

A spedizione effettuata informero’ il compratore, tramite email, dell’avvenuto invio.

Per evitare polemiche, perdite di tempo e qualsiasi reclamo: i costi di spedizione includono oltre il piego di libri anche il costo della busta imbottita, un adeguato imballo e il tempo perso alla posta.
Alle ulteriori richieste di sconti e spiegazioni non rispondo poichè penso di essere stato ben chiaro.

Non effettuo scambi o permute quindi evitate di chiedere non avrete risposta!

Non accetto pagamenti con ricariche telefoniche, inutile chiedere.

Non si accettano reclami a posteriori.

Non spedisco meno di 5 euro di libri, quindi cercate di condensare le richieste ed evitate di contattarmi per un libro sotto questa cifra !

Invio foto ulteriori dei libri a mia discrezione, solo in casi straordinari e se ho tempo, non e’ la regola, inoltre a chi mi chiede foto interne di ogni libro a cui fa richiesta neanche rispondo !

Trascorsi quattro giorni lavorativi dalla richiesta di contatto senza nessuna risposta inserirò un Feedback negativo per trattativa abbandonata e segnalerò il comportamento scorretto!

Attenzione visti i ripetuti casi di richiesta di dati sensibili senza nessuna intenzione di acquisto non avvierò nessuna trattativa se non fornirete il vostro numero di cellulare !!!

ATTENZIONE DAL 10 GENNAIO 2017 IL COSTO DELLA RACCOMANDATA E’ AUMENTATO, HO GIA’ AGGIORNATO LE NUOVE TARIFFE !!!

HO RICEVUTO DIVERSE RICHIESTE PER SPEDIZIONI CON PIEGO DI LIBRI PER L’ESTERO, RIPETO CHE QUESTO TIPO DI SPEDIZIONE E’ VALIDO SOLO PER L’ITALIA, PER EVENTUALI SPEDIZIONI ESTERE FORNIRO’ UNA QUOTAZIONE IN BASE A PESO E DIMENSIONI AL PREZZO STABILITO DA POSTE ITALIANE O DAI VARI CORRIERI INTERNAZIONALI.

Spese di spedizione:
Piego di libri ordinario 0-2 Kg: € 3,00
Piego di libri ordinario 2-5 Kg: € 5,00
Piego di libri raccomandato 0-2 Kg: € 6,00
Piego di libri raccomandato 2-5 Kg: € 8,00
Raccomandata: € 10,00
Pacco postale: € 10,00
Corriere: € 10,00


Al termine potrai pagare il libro tramite Paypal o carta di credito


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "NEL DESERTO DELL’ATOMICA DIARIO DI UNA VITTIMA DI NAGASAKI"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282