Accedi o Registrati
 
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla


 

ricerca avanzata         ricerca multipla

BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]
 

€ 4,50

I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]

€ 4,50

 

I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]
 

Autore: Alberto Negri, Marco Ansaldo, Fabio Mini, Maurizio Massari, Umberto De Giovannangeli e altri
Editore: Gruppo Editoriale L’Espresso
Anno:2004
Collana: i QUADERNI SPECIALI di Limes - Rivista italiana di Geopolitica
Condizioni: NUOVO
Categoria: RIVISTE, POLITICA, STORIA CONTEMPORANEA
ID titolo:71578394

"I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]" è in vendita da sabato 1 febbraio 2020 alle 18:59 in provincia di Ferrara

Note su "I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]":
192 pagine in-8° - Brossura con copertina illustrata plastificata

Articoli:

So what?

IL REGNO DEL TERRORE
Molte previsioni degli americani sul dopoguerra iracheno si stanno rivelando infondate. I paragoni inadeguati con la Germania e il Giappone e quello più calzante con la Rivoluzione francese. La priorità della ricostruzione e l’urgenza del censimento.
di Hassan FATTAH

IL POTERE TRIBALE NELL’IRAQ MERIDIONALE
Le tribù beduine sono il fondamentale fattore di controllo del territorio mesopotamico. Dall’impero ottomano all’occupazione britannica e a Saddam, persistono molti elementi di continuità nelle logiche di comando locali. Il caso di Nāṣiriyya.
di Giovanni PARIGI

LA MANHATTAN DEI SADRISTI
Viaggio nel cuore di Ṣadr City, centrale dello sciismo a Baghdad. In un’area più che degradata fioriscono il fondamentalismo e la guerriglia antiamericana. Le ambizioni del giovane Muqtadà al-Ṣadr e le rivalità fra i leader sciiti.
di Alberto NEGRI

UN JIHĀD ANTISCIITA?
Il futuro della minoranza sciita in Medio Oriente è legato alla sua possibile presa del potere in Iraq, intollerabile per molti sunniti e destabilizzante soprattutto per l’Arabia Saudita. Le ripercussioni in Iran. Il rischio di uno scontro fra due islam.
di Claudia GAZZINI

CHI COMANDA FRA GLI SCIITI?
La lotta fra i leader politico-religiosi della comunità sciita si dirama ben oltre i confini iracheni. Il network iraniano e quello libanese. La sfida di Muqtadà al-Ṣadr e la reazione dei seniores. I rischi di frantumazione dell’Iraq.
di Bijan Zarmandili

PROSSIMO FRONTE, IL KURDISTAN
I curdi iracheni pensano all’indipendenza e allargano la loro area di controllo nel Nord a spese di arabi e turcomanni. La posta in gioco: Kirkūk e il suo petrolio. Il loro esempio mobilita i fratelli di stirpe in Siria e in Iran.
di Marco Ansaldo

PERCHÉ NON VINCONO GLI AMERICANI
Gli impressionanti errori dei comandi Usa e le nuove tattiche della guerriglia. Se davvero scendessero in campo gli sciiti, la partita sarebbe compromessa. La svolta di Fallūğa e il fallimento dei collaborazionisti.
di Antonio SEMA

«Così vince la resistenza»
Colloquio con Musà AL-ḤUSAYNĪ, esponente nazionalista iracheno, a cura di Andrea CHIOVENDA.

Voci dalla guerriglia

«FALLUGA LA MARTIRE» SECONDO AL-JAZIRA E I MEDIA JIHADISTI
Ogni lunedì sera la tv qatarina manda in onda una trasmissione che dà spazio alle opinioni del pubblico. Ne scaturisce una sorta di «vertice dei popoli arabi», con opinioni spesso opposte a quelle dei leader politici. Intanto, i siti fondamentalisti incitano alla rivolta.

PERCHÉ FALLUGA
Guerra e spazio umanitario nell’esperienza dell’assedio a quella che è diventata la città simbolo della resistenza irachena. L’alleanza fra combattenti locali e jihadisti stranieri. Il massacro dei quattro americani e la spirale delle vendette.
di Annalisa LOMBARDO

DIARIO DI UN ARCHEOLOGO
Le osservazioni di un grande esperto del mondo mesopotamico, di ritorno a Baghdad dopo la caduta della dittatura di Saddam. La paura, la povertà e i costumi mutati non inducono all’ottimismo. Il salvataggio delle tavolette.
di Giovanni PETTINATO

IN GUERRA SENZA UNIFORME
Le compagnie militari private sono complessivamente il secondo contingente in Iraq. Non solo proteggono il personale di alcune imprese o della stessa coalizione, ma svolgono anche compiti bellici. Chi sono e cosa promettono le agenzie di mercenari.
di Franz GSTINCICH e Carlo Bellinzona

NO-EXIT STRATEGY
La guerra preventiva rende impossibili le «strategie di uscita». Dalla trappola irachena non si può liberarsi con uno strappo, ma costruendo un modello di sviluppo e di rinascita nazionale molto diverso da quello finora proposto dagli Usa.
di Fabio Mini

L’OSCE PUÒ SERVIRE ANCHE IN IRAQ
L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa tende ormai a muoversi «fuori area». Sicché potrebbe monitorare le eventuali elezioni irachene del 2005, vegliando sulla loro relativa legittimità. Un modello per il Grande Medio Oriente?
di Maurizio MASSARI

GERUSALEMME-WASHINGTON: UN ASSE DI FERRO CAMBIA IL MEDIO ORIENTE
Negli ultimi mesi è emersa la «sharonizzazione» della politica estera americana. Bush avalla le decisioni unilaterali di Sharon e scomunica qualsiasi leadership palestinese. Ma la sconfitta nel Likud costringe «Arik» a ritoccare i suoi piani.
di Umberto De Giovannangeli

L’AMERICA NON SA CHE COSA VUOLE
La difficile situazione irachena obbliga l’America ad interrogarsi su motivazioni, strategie e prospettive della guerra. Le divisioni in ambito repubblicano e le ambiguità dell’establishment democratico. I dubbi sull’«opzione Onu».
di David POLANSKY

LA SIRIA IN BILICO
La guerra in Iraq sta cambiando la situazione geopolitica siriana. Damasco cerca di uscire dall’isolamento aprendo ad Ankara, mentre spera di non finire nel mirino di Washington. Il secessionismo curdo rialza la testa. Un riformismo baatista?
di Wassim ALAHMAR

 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]"
Utente verificato maw6571
vende "I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]"  di Alberto Negri, Marco Ansaldo, Fabio Mini, Maurizio Massari, Umberto De Giovannangeli e altri in provincia di Ferrara

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri oggi.

feedback positivi 5 positivi    

feedback positivi 5 positivi

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 4 compravendite)

Informazioni sul venditore:
RIVISTE, POLITICA, STORIA CONTEMPORANEA. 192 pagine in-8° - Brossura con copertina illustrata plastificata

Articoli:

So what?

IL REGNO DEL TERRORE
Molte previsioni degli americani sul dopoguerra iracheno si stanno rivelando infondate. I paragoni inadeguati con la Germania e il Giappone e quello più calzante con la Rivoluzione francese. La priorità della ricostruzione e l’urgenza del censimento.
di Hassan FATTAH

IL POTERE TRIBALE NELL’IRAQ MERIDIONALE
Le tribù beduine sono il fondamentale fattore di controllo del territorio mesopotamico. Dall’impero ottomano all’occupazione britannica e a Saddam, persistono molti elementi di continuità nelle logiche di comando locali. Il caso di Nāṣiriyya.
di Giovanni PARIGI

LA MANHATTAN DEI SADRISTI
Viaggio nel cuore di Ṣadr City, centrale dello sciismo a Baghdad. In un’area più che degradata fioriscono il fondamentalismo e la guerriglia antiamericana. Le ambizioni del giovane Muqtadà al-Ṣadr e le rivalità fra i leader sciiti.
di Alberto NEGRI

UN JIHĀD ANTISCIITA?
Il futuro della minoranza sciita in Medio Oriente è legato alla sua possibile presa del potere in Iraq, intollerabile per molti sunniti e destabilizzante soprattutto per l’Arabia Saudita. Le ripercussioni in Iran. Il rischio di uno scontro fra due islam.
di Claudia GAZZINI

CHI COMANDA FRA GLI SCIITI?
La lotta fra i leader politico-religiosi della comunità sciita si dirama ben oltre i confini iracheni. Il network iraniano e quello libanese. La sfida di Muqtadà al-Ṣadr e la reazione dei seniores. I rischi di frantumazione dell’Iraq.
di Bijan Zarmandili

PROSSIMO FRONTE, IL KURDISTAN
I curdi iracheni pensano all’indipendenza e allargano la loro area di controllo nel Nord a spese di arabi e turcomanni. La posta in gioco: Kirkūk e il suo petrolio. Il loro esempio mobilita i fratelli di stirpe in Siria e in Iran.
di Marco Ansaldo

PERCHÉ NON VINCONO GLI AMERICANI
Gli impressionanti errori dei comandi Usa e le nuove tattiche della guerriglia. Se davvero scendessero in campo gli sciiti, la partita sarebbe compromessa. La svolta di Fallūğa e il fallimento dei collaborazionisti.
di Antonio SEMA

«Così vince la resistenza»
Colloquio con Musà AL-ḤUSAYNĪ, esponente nazionalista iracheno, a cura di Andrea CHIOVENDA.

Voci dalla guerriglia

«FALLUGA LA MARTIRE» SECONDO AL-JAZIRA E I MEDIA JIHADISTI
Ogni lunedì sera la tv qatarina manda in onda una trasmissione che dà spazio alle opinioni del pubblico. Ne scaturisce una sorta di «vertice dei popoli arabi», con opinioni spesso opposte a quelle dei leader politici. Intanto, i siti fondamentalisti incitano alla rivolta.

PERCHÉ FALLUGA
Guerra e spazio umanitario nell’esperienza dell’assedio a quella che è diventata la città simbolo della resistenza irachena. L’alleanza fra combattenti locali e jihadisti stranieri. Il massacro dei quattro americani e la spirale delle vendette.
di Annalisa LOMBARDO

DIARIO DI UN ARCHEOLOGO
Le osservazioni di un grande esperto del mondo mesopotamico, di ritorno a Baghdad dopo la caduta della dittatura di Saddam. La paura, la povertà e i costumi mutati non inducono all’ottimismo. Il salvataggio delle tavolette.
di Giovanni PETTINATO

IN GUERRA SENZA UNIFORME
Le compagnie militari private sono complessivamente il secondo contingente in Iraq. Non solo proteggono il personale di alcune imprese o della stessa coalizione, ma svolgono anche compiti bellici. Chi sono e cosa promettono le agenzie di mercenari.
di Franz GSTINCICH e Carlo Bellinzona

NO-EXIT STRATEGY
La guerra preventiva rende impossibili le «strategie di uscita». Dalla trappola irachena non si può liberarsi con uno strappo, ma costruendo un modello di sviluppo e di rinascita nazionale molto diverso da quello finora proposto dagli Usa.
di Fabio Mini

L’OSCE PUÒ SERVIRE ANCHE IN IRAQ
L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa tende ormai a muoversi «fuori area». Sicché potrebbe monitorare le eventuali elezioni irachene del 2005, vegliando sulla loro relativa legittimità. Un modello per il Grande Medio Oriente?
di Maurizio MASSARI

GERUSALEMME-WASHINGTON: UN ASSE DI FERRO CAMBIA IL MEDIO ORIENTE
Negli ultimi mesi è emersa la «sharonizzazione» della politica estera americana. Bush avalla le decisioni unilaterali di Sharon e scomunica qualsiasi leadership palestinese. Ma la sconfitta nel Likud costringe «Arik» a ritoccare i suoi piani.
di Umberto De Giovannangeli

L’AMERICA NON SA CHE COSA VUOLE
La difficile situazione irachena obbliga l’America ad interrogarsi su motivazioni, strategie e prospettive della guerra. Le divisioni in ambito repubblicano e le ambiguità dell’establishment democratico. I dubbi sull’«opzione Onu».
di David POLANSKY

LA SIRIA IN BILICO
La guerra in Iraq sta cambiando la situazione geopolitica siriana. Damasco cerca di uscire dall’isolamento aprendo ad Ankara, mentre spera di non finire nel mirino di Washington. Il secessionismo curdo rialza la testa. Un riformismo baatista?
di Wassim ALAHMAR

 

Condizioni di vendita per il libro "I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]":
>>>> ULTERIORI DETTAGLI E/O FOTO A RICHIESTA <<<<

Pagamenti accettati:
- bonifico bancario (preferito)
- Satispay
- ricarica PostePay
- PayPal

Spese di spedizione:
Piego di libri ordinario 0-2 Kg: € 1,50
Piego di libri ordinario 2-5 Kg: € 4,00
Piego di libri raccomandato 0-2 Kg: € 4,80
Piego di libri raccomandato 2-5 Kg: € 7,50
Corriere: € 6,50


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "I quaderni speciali di Limes: IRAQ, ISTRUZIONI PER L’USO. Una strategia italiana. Dove regnano le tribù. L’America senza rotta - [NUOVO]"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282